News aggiornate - Eccellent

Vai ai contenuti

Menu principale:

Banner Moto Image Banner 728 x 90
PANICO IN STUDIO! IL M5S HA LA RAI CONTRO! GUARDATE COSA È SUCCESSO IN DIRETTA E DIFFONDETE!
Alessandro Di Battista DIFENDE COME UN LEONE I 27MILIONI di italiani


NOTIZIE
Le balle di Natale di Renzi! L'Italia ha un premier bugiardo e tutti i cittadini devono saperlo!
DIFFONDETE QUESTO VIDEO!


GIORNALISTI COMPRATI O SILURATI BRAVO RENZI SEI GRANDE


FATE DISDETTA IMMEDIATA DI TUTTI I SINDACATI, PERCHE' FANNO SOLO I LORO INTERESSI E SE NE FREGANO DI VOI LAVORATORI


Banner 728x90
Rivoluzione in Francia tutti i TG tacciono


Anche Fedez lancia un appello sul Reddito di Cittadinanza! Forza.


UN INTERO GOVERNO INDAGATO PER BANCAROTTA FRAUDOLENTA

Leggendaria la nostra grandissima Virginia Raggi..4 minuti..ma valgono ...per la vittoria finale..



mercoledì 11 maggio 2016
Dago-BOMBA sul ministro Pinotti: "Sapete che regalino ha ricevuto...?"
Dagospia rivela che Roberta Pinotti avrebbe ricevuto due "importanti" regali dopo la firma dell'accordo con il Kuwait con Finmeccanica per la vendita di 28 caccia: dei gioielli, ufficialmente "per le figlie". Non solo. Nella stessa occasione, il ministro della Difesa avrebbe anche ricevuto un Rolex in oro bianco, tempestato di brillantini. La Pinotti avrebbe ovviamente tenuto tutto segreto visto che la legge la obbliga a non ricevere doni dal valore superiore ai 150 euro.

FONTE:http://www.liberoquotidiano.it/news/politica/11907712/dagospia-roberta-pinotti-regalo-figlie-gioielli-kuwait.html
Altra tegola per il Pd: scatta larichiesta d'arresto per Raffella Paita, ex assessore regionale alla Protezione Civile e adesso capogruppo di minoranza Pd in consiglio Regionale. I pm Patrizia Ciccarese e Gabriella Dotto hanno chiesto la condanna a 2 anni e 8 mesi di carcere dell Paita nell'ambito del processo per l'alluvione che colpì il capoluogo ligure nell'autunno del 2014.
La Paita, insieme all'ex responsabile della Protezione civile in Regione,Gabriella Minervini, è l'unica indagata: sono entrambe accusate di non aver diramato l'allerta meteo, e dunque vengono accusate di omicidio colposo (per la morte dell'ex infermiere Antonio Campanella) e di disastro colposo. Da par suo, subito dopo la richiesta di condanna, la Paita ha dichiarato: "Sono molto serena, come sempre. Ho sicurezza e fiducia nelle istituzioni e nella magistratura. Attendo con grande fiducia l'esito di questo processo, perché io ho sempre agito in modo responsabile, con serietà e dedizione".
Nel dettaglio, alle due accusate, viene contestato il fatto di aver ignorato i bollettini meteo dell'Arpal, che già dal giorno precedente all'alluvione riferivano di una situazione critica. Le due, insomma, avrebbero tragicamente sottovalutato le numerose segnalazioni dei vigili del Fuoco e delle forze dell'ordine sulle esondazioni di alcuni rii nel corso del 9 ottobre.

SFOGO DI UN CITTADINO CONTRO IL GOVERNO LADRO


LEGGI PORCATE DEL GOVERNO RENZI


Grande Beppe Grillo
Vedi video


CICLONE DI MAIO IN ABRUZZO



Mentre il PD butta fango sul Movimento, una ventata di speranza avvolge i comuni di Penne, Francavilla, San Giovanni Teatino e Vasto. Grande partecipazione dei cittadini, tanti curiosi e l'inesauribile carica degli attivisti.
Favori ai Casalesi per appalti, il PD travolto

Favori ai Casalesi per appalti, il PD travolto da un nuovo scandalo di corruzione, questa volta ad essere indagato è addirittura per concorso esterno in associazione camorristica Stefano Graziano, consigliere della Regione Campania eletto nel 2015 e presidente del PD campano. Ex consigliere del Governo Renzi e anche di quello Letta. Questi sono i futuri senatori che prevede la riforma costituzionale di Renzi e Verdini.

dal Fatto Quotidiano 26 Aprile 2016

Concorso esterno in associazione mafiosa. E’ questa l’ipotesi di reato per cui è indagato il presidente regionale del Pd e consigliere a Palazzo Santa Lucia Stefano Graziano. L’inchiesta in questione è quella che oggi ha portato nell’operazione congiunta di Guardia di finanza e carabinieri: nove le persone arrestate perché accusate di favorire il clan dei Casalesi in alcuni appalti. Le forze dell’ordine hanno perquisito le abitazioni di proprietà di Graziano a Roma e Teverola (Caserta) e nell’ufficio che ha a disposizione come consigliere regionale nella sede del Consiglio, al Centro Direzionale di Napoli. L’ipotesi di reato che si formula nel decreto di perquisizione nei suoi confronti è, come detto, di concorso esterno in associazione camorristica. Per gli inquirenti, l’esponente politico ha chiesto e ottenuto appoggi elettorali in riferimento alle ultime consultazioni per l’elezione del Consiglio regionale della Campania. Secondo tale ipotesi, Graziano si sarebbe posto “come punto di riferimento politico ed amministrativo” del clan Zagaria del quale è accusato di far parte Alessandro Zagaria, omonimo del boss, arrestato oggi. Lo spunto investigativo è stato offerto da una intercettazione di colloqui tra Alessandro Zagaria e Biagio Di Muro, l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere, anch’egli arrestato oggi. Colloqui nel corso dei quali si faceva riferimento all’appoggio elettorale che occorreva garantire a Graziano. Quest’ultimo si sarebbe attivato – ma tale circostanza non è ritenuta illecita dagli inquirenti della Dda – per favorire il finanziamento dei lavori di consolidamento di Palazzo Teti, al centro dell’inchiesta.

La carriera di Graziano: da Aversa fino a Palazzo Chigi
Stefano Graziano è stato parlamentare fino al 2013 e per il Partito democratico ha ricoperto anche incarichi governativi. E’ stato Enrico Letta, infatti, a nominarlo consigliere per l’attuazione del programma di governo alla presidenza del consiglio dei ministri nel settembre 2013. Matteo Renzi lo ha confermato nello stesso ruolo, da cui Graziano – come spiega lui stesso sul suo sito – si è dimesso “per motivi etici all’atto dell’accettazione della candidatura in Consiglio Regionale, per non ricoprire un duplice ruolo”. Considerando che le elezioni regionali in Campania ci sono state nella primavera dell’anno scorso, si può affermare con certezza che Graziano è rimasto a Palazzo Chigi fino a 2015 inoltrato. Nel frattempo, nel 2014, è diventato presidente regionale del Partito democratico.

Arrestato l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere
Nell’indagine della Dda di Napoli, coordinata dal procuratore aggiunto Giuseppe Borrelli, è coinvolto anche l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), Biagio Di Muro. L’appalto contestato è quello per i lavori di consolidamento di Palazzo Teti, immobile ubicato in via Roberto D’Angiò confiscato al padre dello stesso primo cittadino, Nicola Di Muro. Gli indagati rispondono a vario titolo dei reati di corruzione e turbativa d’asta con l’aggravante di aver agevolato il clan di Casalesi. La gara, che negli anni ha subito vari rallentamenti, secondo l’ipotesi accusatoria della Dda di Napoli, sarebbe stata vinta da un raggruppamento di imprese ritenuto vicino al clan guidato da Michele Zagaria. Già nel luglio 2015 l’ex sindaco, in carica fino a pochi mesi fa, fu oggetto di una perquisizione. Con l’ex sindaco di Santa Maria Capua Vetere (Caserta), carabinieri e finanzieri hanno arrestato anche il funzionario del Comune casertano, Roberto Di Tommaso, per il quale il gip di Napoli ha disposto i domiciliari. Figura chiave nell’inchiesta della Dda partenopea è, a giudizio degli investigatori, quella dell’altro indagato destinatario di ordinanza cautelare Alessandro Zagaria, imprenditore ritenuto l’anello di congiunzione tra l’amministrazione e il clan guidato dal boss – solo omonimo – Michele Zagaria.
LE NAVI DEI VELENI




IL giornalista Gianni Lannes è stato a Caorso, nella più importante centrale nucleare e qui ha scoperto entrando di nascosto, senza autorizzazione, che il governo Berlusconi ha affidato lo smantellamento delle centrali nucleari alla ndrangheta, che sta dietro una società che si chiama Ecoge che ha sede a Genova. Questa società carica i rifiuti nucleari in dei container che da Caorso vanno a Genova e poi a La Spezia, in attesa di navi su cui caricarli e verranno affondate.

La Stampa ha impedito a Lannes di pubblicare l'inchiesta e nessun altro giornale l'ha voluta questa inchiesta.

DEBUTTA LA NUOVA MONETA DA 5 EURO: I COLLEZIONISTI PRENOTANO 250 MILA ESEMPLARI
È in arrivo la nuova moneta da 5 euro coniata dalla Bundesbank, ecco dove avrà corso legale.
Non si tratta di certo della svolta attesa per sconfiggere la crisi economica, ma il debutto della moneta da 5 euro di certo desta curiosità, ed è stata accolta favorevolmente dai cittadini tedeschi. Forse renderà il nostro portamonete un po' più pesante, ma l'idea della Bundesbank ha stimolato già la fantasia dei collezionisti. La banca tedesca ha già prodotto i primi 250 mila pezzi, già quasi tutti oggetto di prenotazione da parte dei collezionisti più accaniti che sono arrivati anche a sborsare ben oltre 15 euro per acquistare una singola moneta. Questa verrà anche coniata per l'uso quotidiano da parte dei cittadini, infatti ne verranno realizzati altri 2 milioni e mezzo di esemplari. Per entrarne in possesso sarà sufficiente farne richiesta presso qualunque banca teutonica.
Una nota diffusa sul sito ufficiale della Bundesbank ha chiarito che la vendita sarà limitata ad un solo esemplare a persona. Probabilmente i primi pezzi saranno conservati dai cittadini tedeschi in un cassetto, ma saranno comunque spendibili, proprio come accade per la comune banconota da 5 euro e avranno corso legale solamente in Germania. Pertanto, gli esercenti italiani o di altri paesi dell'Unione Europea non potranno accettarla come mezzo di pagamento.
La moneta spendibile solo in Germania
Chi entrerà in possesso della moneta da 5 euro, dovrà tenere conto che potrà spenderla solo in territorio tedesco e non potrà usufruirne altrove. In ogni caso, sarà pur sempre un cimelio da portare con sé, per coloro che amano collezionare monete, o può essere un pezzo pregiato da vendere a buon prezzo agli amanti della numismatica. Al momento, nel resto d'Europa, la moneta di maggior valore continua a rimanere quella da 2 euro, ma non è escluso che, qualora l'esperimento dovesse funzionare in Germania, non possa replicarsi negli altri paesi dell'Unione Europea. La moneta è ben più spessa rispetto a quella da 2 euro, sarà composta da tre materiali, peserà circa 9 grammi e avrà un diametro di poco superiore ai 27 millimetri.
CRONACA

Bruxelles: arrestato Salah Abdeslam, ferito ad una gamba

la grande fuga del ricercato n.1 d'Europa, Salah Abdeslam, unico superstite dei terroristi degli attentati di Parigi. Catturato vivo dalle forze speciali, che gli hanno sparato a una gamba per bloccarlo mentre cercava di fuggire.
Dopo la sparatoria di Forest, dunque, tutto è precipitato, e insieme a lui è caduto nella ragnatela degli inquirenti anche un altro complice con falsi documenti che era già stato intercettato in sua compagnia in Germania. Più le tre persone della famiglia dell'appartamento in rue des Quatre-Vents in cui si era nascosto. Ad annunciare ufficialmente 'la cattura del secolo' sono stati il premier belga Charles Michel e il presidente francese Francois Hollande insieme, a siglare la ritrovata cooperazione dopo le tensioni ma, soprattutto, il sospiro di sollievo tirato sia a Bruxelles che a Parigi.
La svolta è arrivata, inaspettata, martedì quando la polizia ha suonato, senza saperlo, alla 'porta giusta' dell'appartamento della rue du Dries a Forest: era proprio in quell'abitazione che doveva essere vuota che si nascondeva Salah Abdeslam insieme ai due uomini che, sotto falsa identità, sono stati coinvolti nella logistica degli attentati di Parigi. Mohamed Belkaid, il 35enne algerino rimasto ucciso dai tiratori scelti, non era infatti nient'altro che il ricercatissimo sotto falso nome di Samir Bouzid che Salah era andato a recuperare in auto in Ungheria, dove era probabilmente arrivato mimetizzato in mezzo ai migranti siriani. Controllato in Austria insieme a Salah e un altro uomo sotto il falso nome di Soufiane Kayal, è anche la persona registrata dalle telecamere di sicurezza in un'agenzia della Wester Union fuori Bruxelles da cui partì il versamento da 750 euro ad Hasna, la cugina di Abdellahmid Abaaoud, prima del raid a Saint-Denis.
Il secondo fuggitivo arrestato, dalle false identità di Monir Ahmed Alaaj alias Amine Choukri, anche lui leggermente ferito, era stato controllato in Germania insieme a Salah il 3 ottobre scorso. E le sue impronte sono state trovate anche nella casa nascondiglio di Auvelais. Nell'appartamento di rue du Dries sono stati ritrovati un falso passaporto siriano a nome di Monir e una falsa carta d'identità belga a nome di Amine.
I segnali che il cerchio si stesse chiudendo sono cominciati ad arrivare con le prime fughe di notizie sulla stampa del ritrovamento delle impronte di Salah, forse su un bicchiere, nell'appartamento di Forest. E sull'identità dell'algerino. Appena dopo le 16 a Molenbeek si sono sentiti sparare i primi colpi, le teste di cuoio sono entrate in azione e l'isolato intorno alla rue des Quatre-Vents è stato chiuso. Le forze speciali hanno deciso di anticipare l'operazione di un giorno, per non perdere di nuovo le tracce di Salah. A tradirlo una telefonata, dopo la fuga dai tetti di Forest, a una persona che da mesi era stata messa sotto sorveglianza. E, forse, anche una soffiata stamattina alla polizia da un 'amico'. Tre perquisizioni, granate lacrimogene, spari, poi Salah in giubbotto e cappellino bianco 'neutralizzato' sul marciapiede mentre tentava la fuga. E l'incubo finisce. "I miei pensieri vanno alle vittime del 13 novembre, perché Salah Abdeslam era direttamente legato alla perpetrazione e all'organizzazione" degli attentati a Parigi, e "molte famiglie attendevano" questo momento, ha detto Hollande. Spenti quindi i rancori con il premier belga Charles Michel, con cui ha sottolineato "l'intensa cooperazione". Ma, ha avvertito il presidente francese, la sua intenzione è chiedere l'estradizione di Salah in Francia. La lotta al terrorismo continua. Anche perché molti altri responsabili degli attentati di Parigi, tra cui Mohamed Abrini, sono ancora a piede libero.
ANKARA - Nuovo terrore per le strade di Ankara, in Turchia. Un'autobomba è esplosa vicino a una fermata dei bus nel centro della capitale: almeno 34 morti  (tra cui due kamikaze) e 125 feriti, secondo fonti della sicurezza: "La deflagrazione è stata causata da un veicolo imbottito d'esplosivo vicino a piazza Kizilay", ha spiegato il governatore della città turca. Delle
vittime, 30 sono morte sul luogo dell'attacco e altre 4 mentre venivano trasportate in ospedale. Dopo lo scoppio, avvenuto alle 18:45, sono stati uditi spari, riferiscono fonti ufficiali della sicurezza.

In pieno centro. L'espolsione è avvenuta tra il parco Guven e la piazza di Kizilay, a poca distanza anche da due fermate della metro, in una zona centralissima della capitale turca. Numerose macchine che si trovavano nei pressi del luogo dell'esplosione sono in fiamme. La zona è stata evacuata nel timore di un secondo attacco.

La dinamica. Un'auto carica di esplosivo si è schiantata contro un autobus nei pressi di una fermata, dove si trovavano diversi altri veicoli, alcuni dei quali hanno preso fuoco. Un attacco suicida destinato a fare una strage, visto che lì si trovavano decine di persone in attesa di mezzi pubblici e minibus. Il ministro degli Interni turco ha confermato che si trattava di un attentato terrorista contro la popolazione civile. "Lo condanniamo - ha detto - non riusciranno a centrare i loro obiettivi". Il ministro ha poi precisato che la bomba è esplosa dentro un auto in movimento, con uno o due kamikaze dentro, proprio mentre passava accanto a un autobus.
Solo una questione di ore. Dopo una lunga serie di trattative per il loro rimpatrio, gli italiani Pollicardo e Calcagno, liberati venerdì, saranno in Italia. I corpi di Failla e Piano, uccisi mercoledì, sono invece ancora a Sabatra "a causa dell'autopsia".
Veronica Panarello chiama a correità il suocero Andrea Stival, attribuendo a lui l’esecuzione materiale dell’omicidio del piccolo Loris, adducendo quale movente del delitto la volontà dell’uomo di mettere a tacere il nipotino di 8 anni, che li avrebbe scoperti a fare sesso.
Duplice omicidio a Falsomiele, Due persone a bordo di una 500L, tra i 35 e i 40 anni, sono state freddate con diversi colpi di arma da fuoco. Uno dei due è morto sul colpo, l'altro pochi istanti dopo. Uno dei due uccisi è Vincenzo Bontà, genero del b
728x90

oss Giovanni Bontade, fratello di Stefano. L'altro è Giuseppe Vela, bracciante, emtrambi incensurati.
ISABELLA NOVENTA STRANGOLATA NELLA CUCINA DI FREDDY
Ieri mattina gli uomini della Polizia Scientifica sono stati nella abitazione di Via Sabbioni di Freddy Sorgato per nuovi sopralluoghi, dove con ogni probabilità è stata uccisa Isabella Noventa. Si cercando tracce biologiche o di sangue della vittima.
IL MACEDONE VEAPI AJHAN, ARRESTATO A MESTRE, RECLUTAVA COMBATTENTI PER L'ISIS

Su disposizione della Procura di Venezia, i Carabinieri del Ros hanno fermato a Mestre, un cittadino macedone, Veapi Ajhan, indagato per arruolamento con finalità di terrorismo, internazionale: l'uomo avrebbe reclutato aspiranti mujaheddin, arruoladoli nell'Isis e avviati verso i teatri di guerra mediorientali.
Notizie

E’ incredibile come un metodo semplice che ha curato tantissime persone a partire dagli anni ’50 ad oggi sia praticamente sconosciuto, eppure tratta con successo il cancro e le malattie degenerative. Purtroppo non è un business per le case farmaceutiche dato che il trattamento costa solo pochi euro. In questo articolo si spiega come è stato scoperto, il successo e come metterlo in pratica.

Prima che scoppiasse il caso Di Bella, il metodo del Dott. Gianfranco Valsé Pantellini era sicuramente la terapia contro il cancro più usata e più conosciuta in Italia, nel campo della medicina alternativa. Come la maggior parte delle scoperte scientifiche più importanti, anche questa trae origine da un caso fortuito e da un errore.
Nel 1947, il Dott. Pantellini consigliò ad un malato di cancro inoperabile allo stomaco, con prognosi di pochi mesi di vita, di bere limonate con bicarbonato di sodio al fine di calmare i forti dolori. Immaginatevi la sorpresa quando dopo sei mesi il suo problema oncologico regredì al punto di non essere visibile all’indagine radiografica. Cos’era successo ? Il paziente, per errore, non aveva usato il Bicarbonato di Sodio, ma il Bicarbonato di Potassio.
La cosa sorprese il Dottore, ma gli dette anche l’intuizione per uno studio che avrebbe cambiato la sua vita, tanto che anni dopo annotò: «È come se avessi ricevuto una botta in testa».

Pantellini proseguì le sue ricerche per quarant’anni, scoprendo che è la combinazione tra l’acido ascorbico (vitamina c) e il Bicarbonato di Potassio che produce l’Ascorbato di Potassio, il più potente antiossidante, che non solo trattava efficacemente il cancro ma trovava applicazione anche in alcune malattie degenerative ed autoimmuni.
Continuò a tenere conferenze, partecipò a vari congressi di oncologia, pubblicò le sue scoperte su riviste mediche, curò con successo migliaia di persone. Risultato ?
Alcune denunce da parte dell’Ordine dei Medici (assolto), problemi a non finire, diffamazioni; ma l’aspetto più grave è che in tutti questi anni, Pantellini non è mai stato preso in considerazione dalla classe medica. Non viene confutato, semplicemente viene totalmente ignorato.
Chi volete che abbia interesse a prescrivere l’Ascorbato di Potassio, un prodotto che costa pochi euro per un mese di terapia e che, oltre a tutto, non è brevettabile? In un’intervista disse: “Ci sono degli interessi enormi, prima di colpire questi interessi bisogna stare attenti anche noi di colpirli bene così da farli degradare nel tempo. Tutto il mondo oggi vive sul denaro, e lei sa quanti migliaia di miliardi ci sono in giro in questo momento sulla sua testa. Se la medicina si è instradata su un’unica strada questa non è colpa mia.
E’ colpa del destino dell’umanità. Anche del vostro! Perché di li al 2015, se non prenderemo provvedimenti seri, saremo uno contro uno col cancro“.
Pantellini ha sperimentato che la somministrazione di ascorbato di potassio, che non provoca effetti collaterali indesiderati, ha in dosaggi diversi, un’azione preventiva e curativa nei riguardi del cancro.
Lo scienziato ha trattato, tra l’altro, con successo malattie autoimmuni da virus dipendenti e, tra queste, la sclerosi multipla. Sul probabile meccanismo d’azione dell’Ascorbato di Potassio Pantellini ha scritto: “Ritengo… che il Potassio, per la sua affinità verso i gruppi idrogeno degli amminoacidi presenti all’interno delle membrane cellulari, presiede attivamente ai fenomeni degli interscambi ossido-riduttivi dei medesimi, mantenendo costante la quota proteica necessaria ad un’ordinata strutturazione del complesso edificio cellulare ”

INTERVISTA AL DOTT. PANTELLINI FATTA DA GIUSEPPE COSCO

Cosco: Professore che cosa è il cancro ?

Pantellini: Il cancro è una malattia degenerativa che ha anche un’origine genetica. Fino a poco tempo fa io non avevo un’idea lucida di quale fosse l’origine di questa patologia, ma oggi ho la certezza che a provocare questa manifestazione siano i radicali liberi, radicali liberi che vengono messi in libertà nella cellula dai mitocondri. I mitocondri, con questi radicali liberi, colpiscono il nucleo della cellula diecimila volte al giorno, cercando di sovvertirlo. A questa azione dei mitocondri si antepone un enzima connaturato alla stessa cellula che, per natura propria, elimina questi radicali liberi. La produzione di questo enzima viene regolata da un gene. Quest’enzima è la superossido-dismutasi, fortemente riducente e contrastante l’azione dei radicali liberi. Se i radicali liberi, per condizioni particolari fisiologiche e anche per stress endogeni, stress ossidativo interno, riescono ad eliminare dalle cellule o da una cellula quest’enzima è certo che si scatena il tumore. Il cancro è una manifestazione di questo difetto cellulare.

C. : Cosa ne pensa della chemioterapia ?

Pantellini: Non dico nulla della chemioterapia, perché si sa già tutto.
Essa ha un’azione deleteria e devastante sull’intero organismo. La chemioterapia si regge su un assioma, anzi su un paradosso: “Ciò che fa venire il cancro, lo guarisce”, guardi a che assurdità si è arrivati. Nella chemioterapia, la ciclofosfammide non è altro che un iprite chelata che viene introdotta nell’organismo, causa sui tessuti delle reazioni di Feulgen liberando quattro molecole di acido cloridrico. Quindi come si può pensare di curare il cancro con l’acido cloridrico ?

C. : Come è arrivato a capire l’importanza dell’ascorbato di potassio per la prevenzione e la cura del cancro ?
Pantellini: Fu un malato che mi mise sulla strada dell’ascorbato di potassio. Scambiò il bicarbonato di sodio con il bicarbonato di potassio, e da lì è partita la mia ricerca.

C. : Questo sale…

Pantellini: E’ il più forte antiossidante che abbiamo a disposizione oggi.
Non è dannoso, viene assorbito rapidamente e agisce sul cancro. Difatti i tumori trattati con ascorbato di potassio o regrediscono o si fermano oppure vanno più lentamente avanti. La casistica è molto, molto, molto vasta e positiva.

C. : Quali sono i dosaggi ?

Pantellini: Per la prevenzione si possono somministrare due o tre dosi la settimana, la mattina a digiuno, per quattro o cinque mesi consecutivi, poi interrompere un mese e ricominciare. Per la cura, invece, di dosi bisogna assumerne tre al giorno. Cioè occorre prendere la dose preventiva di gr. 0.15 di acido ascorbico e gr. 0.30 di bicarbonato di potassio, tre volte al giorno.

C. : Posso scrivere che in caso di tumori definiti iniziali, con l’ascorbato, si ottiene la guarigione completa ?

Pantellini: Certamente, si ha il 100% di regressione del tumore.

C. : Ci sono altre malattie che rispondono bene a questo trattamento?

Pantellini: L’assunzione dell’ascorbato di potassio nei malati di AIDS mantiene l’individuo sieropositivo però non lo fa passare nella fase successiva. Stiamo portando avanti un protocollo di terapia sperimentale al riguardo e i risultati sono molto interessanti.

C. : Le persone in cura preventiva dal 1970 hanno…

Pantellini: Nessuna di loro, e sono molte centinaia, è stata colpita da cancro o da malattie virali.

C. : Professore lei è solo in questo lavoro ?

Pantellini: Sono affiancato da molti altri ricercatori, italiani e stranieri e poi in America diversi scienziati (tra cui Irwin Stone, Cameron e Pauling, N.d.R.) portano avanti protocolli sperimentali simili (fondati
sull’ascorbato di sodio).

C. : Se l’ascorbato di potassio fosse somministrato su larga scala avremmo risultati incredibili?

Pantellini: Si, ma non sono cose che posso fare io, io posso dare delle indicazioni. Si deve mobilitare chi è preposto alla salute pubblica, cominciando dal ministro della sanità.

C. : Il cancro è anche un affare e gli interessi economici che vi ruotano intorno sono davvero tanti e da tutto ciò che è emerso, le porcherie della “malasanità” di Stato…

Pantellini: Era una cosa logica. Non è una scoperta che ci sia la malasanità. Era meglio se i politici italiani avessero visto più a fondo l’interesse e la salute della gente, ossia pochi farmaci, ma buoni, sperimentati, che moltissimi farmaci anche con prezzi altissimi che non servono a nulla e fanno male.

C. : Sperimentano molto sugli animali…

Pantellini: E’ difficile riportare l’esperienza fatta su animali all’uomo.
L’uomo ha riflessi farmacologici molto diversi. Per esempio un coniglio mangia anche l’atropina senza avere nessun disturbo, l’uomo, invece, muore.

C. : Secondo lei la cecità dei cattedratici è frutto di ignoranza o di malafede ?

Pantellini: Io non so cosa nasconda, ma sono morti anche molti di loro di cancro, che io ho tentato di salvare.

C. : Visto il bassissimo costo dell’ascorbato di potassio, poche centinaia di lire, le industrie farmaceutiche hanno tentato di metterle i bastoni tra le ruote?

Pantellini: Hanno provato, tramite anche i loro emissari appartenenti ad un certo tipo di classe medica, ma è difficile fermare la marcia dell’ascorbato di potassio.

C. : Ci sono dei medici in Italia che usano l’ascorbato?

Pantellini: Ci sono dei bravissimi medici in Italia, dei bravissimi chirurghi, anche dei bravissimi oncologi che utilizzano l’ascorbato di potassio.

C. : Dove si può trovare l’ascorbato di potassio?

Pantellini: Molte farmacie lo preparano bene, io non posso dire i nomi, però, ci sono farmacie a Firenze, Treviso, Verona, Milano e Bologna che hanno l’ascorbato di potassio perfettamente dosato e chiuso in bustine ermetiche.

C. : Professore un’ultima domanda. L’ansia e lo stress hanno importanza nella genesi di un cancro ?

Pantellini: Certamente. La mente e i suoi complessi legami col corpo, rivestono una grande importanza. Io sono certo che l’insorgenza tumorale sia dovuta al riemergere di una struttura evolutiva della materia vivente, avvenuta qualche milione di anni fa, e che ciò si ripeta, oggi, quando i geni autoregolatori della chimica cellulare sono inattivati nel loro chimismo enzimatico per uno stress di qualsiasi natura.

Il Dott. Gianfrancesco Valsé Pantellini è morto nel 1999. dai tempi di questa intervista ci sono stati diversi sviluppi nello studio dell’ascorbato e delle modalità di utilizzo del medesimo, in particolare la formulazione dell’ascorbato più ribosio sembra potenziare l’efficacia dell’ascorbato di potassio, così come l’associazione con la vitamina B12. La Fondazione Pantellini porta avanti gli studi condotti dal dottore e segue i pazienti che vogliono seguire questa cura.

Chi vuole usarlo a scopo preventivo ecco come si prepara il rimedio “Pantellini”

Ingredienti
Uno o due limoni preferibilmente freschi
(un limone contiene mediamente dai 45 ai 75 mg per 100 ml di succo. Un limone grosso di circa 250 grammi contiene circa 90 ml di succo.
Pantellini consiglia 150 mg di vitamina C. Si presume che il limone sia maggiormente efficace della sola vitamina C)
Bicarbonato potassio (circa la punta di un cucchiaino 300 mg)
Un cucchiaino che non sia di ferro
Si può aggiungere ghiaccio o zucchero (meglio se di canna) a piacere.
(Si può fare anche con le bustine disponibili in farmacia e erboristeria)
Dove e cosa comprare
Il bicarbonato potassio è un integratore fatto per 2/3 di bicarbonato ed 1/3 di potassio.
Il ministero della Salute lo “inquadra” come integratore alimentare.
Si trova in farmacia e erboristeria al costo medio di 5 euro/100 grammi.
Il chilo è disponibile alle volte solo in farmacia a 20 euro con richiesta medica su foglio bianco.
La preparazione
Fare la premuta del succo di limone, aggiungere due dita di acqua fredda (circa 200 Ml) e una punta di cucchiaino di bicarbonato di potassio (K). Agitare bene con un cucchiaino che non sia di ferro per circa un minuto.
Il Pantellini è pronto e può essere gustato.
A piacere è possibile aggiungere, SOLO dopo la preparazione, ghiaccio e/o zucchero.
Note sulla conservazione del bicarbonato potassio
Teme l’umido e la luce pertanto si consiglia di travasare una modica quantità (un cucchiaino) in una bustina per alimenti da riporre poi in un barattolino da cui attingere di volta in volta.
E’ sempre meglio “strizzare” le bustine per evitare aria la cui umidità puo danneggiarlo.
Perché lo zucchero
Per una questione di gusto. Alcuni lo preferiscono così.
Per un discorso di presunta utilità. Lo stesso Pantellini consigliò una “limonata zuccherata”.

Alla Fondazione Pantellini sommano il ribosio (che è uno zucchero). La stessa funzione cellulare della pompa Na/K scambia sodio con potassio e glucosio.
MALTEMPO
Aedea. L'incidente è avvenuto verso le ore 6 in Via Laurentina a Tor San Lorenzo. Sul posto sono intervenuti i Vigli del fuoco per i soccorsi nella vettura schiacciata dal tronco. La procura ha aperto un fascicolo per il reato di omicidio colposo. Le vittime sono sue fratelli
Un treno è deragliato ieri mattina verso le 7 sulla linea Biella Novara. L’incidente è accaduto nelle campagne poco dopo Cossato. Nessuna conseguenza per i 12 passeggeri e due macchinisti. sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco, carabinieri e 118.  Il convoglio, composto da due carrozze, partito da Biella alle ore 6.03, ha travolto detriti e macerie di un muro contenimento franato a causa della pioggia
Cade albero a causa del forte vento, due auto distrutte, nessun ferito. Zona Napoli quartiere Vomero
 
Copyright 2015. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu